Si sono da poco concluse le operazioni di monitoraggio ambientale da parte dei militari del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Guardia Costiera di Manfredonia unitamente a quelli del Laboratorio Ambientale Mobile (L.A.M.) del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto.
L’attività di monitoraggio ambientale, svolta lungo un’ampia fascia di litorale costiera ricadente nella giurisdizione della Capitaneria di Porto di Manfredonia, si colloca all’interno delle attività istituzionali della Guardia Costiera che ha, tra gli obiettivi primari, quello di verificare lo stato delle acque e del litorale costiero, attraverso la rilevazione degli inquinamenti presenti, con l’individuazione delle relative fonti, nonché l’accertamento, anche in forma preventiva, di fattispecie potenzialmente pericolose per l’ambiente.
L’attività di campionamento e verifica portata a termine negli ultimi giorni è stata preceduta da quella di telerilevamento effettuata dai militari appartenenti alla Base Aeromobili – 3° Nucleo Aereo e Sezione Volo Elicotteri – Guardia Costiera di Pescara. Tale attività permette, grazie alla strumentazione in uso ai velivoli di scoprire dall’alto le cd. anomalie termiche, spesso riconducibili a scarichi abusivi alle volte difficili da individuare.
Successivamente, i militari hanno proceduto alla verifica di tutti i punti segnalati dal Nucleo Aereo procedendo ad effettuare n° 4 campionamenti lungo la costa di competenza, campioni che saranno successivamente analizzati presso i laboratori dell’Agenzia Regionale per la protezione ambientale, che ha fornito il proprio prezioso contributo all’attività e presso il neo costituito Laboratorio Analisi Ambientale “CF (CP) Natale De Grazia” della Guardia Costiera.
L’attività ha visto anche la verifica presso due impianti depurativi asserviti ad altrettanti insediamenti produttivi ricadenti nella locale area industriale.
Manfredonia, 25 Gennaio 2021

L’Associazione Centro Cultura del Mare A.P.S., per rendere più celeri gli ultimi adempimenti relativi  all’apertura del Museo del Mare nella nostra città, ha inoltrato il 29 novembre scorso la seguente lettera al Presidente della Provincia di Foggia e ai Commissari prefettizi di Manfredonia.

 

Alla cortese attenzione del Presidente della Provincia di Foggia

Dott. Nicola Gatta

dei Commissari Prefettizi del Comune di Manfredonia

Dott. Vittorio Piscitelli

Dott.ssa Francesca Anna Maria Crea

Dott. Alfonso Agostino Soloperto

 

Egregie Autorità,

il sottoscritto Giovanni Simone, in qualità di Presidente pro-tempore del Centro Cultura del Mare, Associazione di Promozione Sociale, vi comunica che a breve sta per concretizzarsi un’iniziativa voluta dall’intera cittadinanza, dal Comune di Manfredonia, dall’Autorità Portuale, dalle Amministrazioni Provinciali di Foggia, di diverse appartenenze politiche (prima sotto la Presidenza del Dr. Stallone, poi sotto quella del Dott. Pepe): l’apertura del Museo del Mare.

Fa presente quanto segue:

 

  1. Per tale iniziativa si sono favorevolmente espresse le Scuole di ogni ordine e grado, le associazioni (Rotary, Lions, Lega Navale, Legambiente, Associazione Marinai d’Italia, Nuovo Centro di Documentazione Storica, ecc.), il Provveditorato agli Studi di Foggia, la Federcoopesca, le Cooperative di Pescatori, la Capitaneria di Porto, la Confcommercio, il Parco Nazionale del Gargano, il Commissariato Polizia di Stato, l’Azienda di Promozione Turistica, testate giornalistiche e siti online, Professori universitari (il prof. Giuliano Volpe e il prof. Saverio Russo dell’Università di Foggia, il prof. De Vita Giovanni dell’Università di Cassino,  il prof. Nicola Zizzo dell’Università degli Studi di Bari). Perfino l’allora compianto Arcivescovo di Manfredonia Vincenzo D’Addario promuoveva e sosteneva la nascita del Museo del Mare nella nostra città.
  2. L’associazione Centro Cultura del Mare è stata autorizzata dal Comune di Manfredonia a sostenere costi spontaneamente forniti dagli iscritti per eseguire ulteriori lavori, in seguito a quelli già fatti dall’Amm.ne comunale e dalla Provincia.
  3. Alla data odierna, per rendere più accoglienti e fruibili le sale del Museo, si sono dichiarate disponibili, a titolo gratuito, ben nove imprese locali private di Manfredonia che a giorni inizieranno i lavori consentendo a breve l’apertura del Museo del Mare.
  4. Un protocollo d’intesa è in atto tra il Centro Cultura del Mare A.P.S. e l’Università di Cassino che già collabora con l’ausilio di esperti museali all’allestimento del Museo del Mare.
  5. Nei locali sono già presenti la teca contenente l’apparato scheletrico del delfino Filippo, famoso nel mondo intero, centinaia di reperti, espositori, acquari, modelli di imbarcazioni sipontine, libri con tematica mare, foto e filmati riguardanti la nostra tradizione e cultura marinaresca, ecc.
  6. I musei del mare sono parte del patrimonio di un Paese e centri di richiamo anche di turisti. A differenza di altri musei, quelli del mare e della marineria sono particolarmente legati al territorio di appartenenza, alle realtà economiche, fanno e possono farsi promotori di iniziative culturali, manifestazioni, ecc. Inoltre, detto museo del mare, a seguito di formale riconoscimento, può far parte a pieno titolo del sistema museale della provincia di Foggia.
  7. Sarei onorato di accogliere le S/V a Manfredonia, presso i locali del Museo per farvi rendere conto della validità e dello stato dell’arte del complesso museale.  La nostra città, in questi momenti difficili merita dei segnali positivi. Tutto ciò premesso, invito le Vostre Signorie di programmare insieme la prossima apertura ufficiale del nuovo contenitore culturale sipontino.

Vi ringrazio per l’attenzione che darete alla questione.

In attesa di un V/S positivo riscontro, Vi porgo, con stima, distinti saluti.

Il Presidente

Prof. Giovanni Simone

Museo del Mare 2020Il Centro Cultura del Mare A.P.S. di Manfredonia ha da anni caldeggiato la nascita di un Museo del Mare, la cui funzione specifica è quella di offrire un contributo alla conoscenza di un’attività preminente, quella del mare, che ancora oggi, nonostante il suo ridimensionamento, caratterizza l’economia della nostra collettività. Tale Centro, fino ad oggi, si è prodigato, a proprie spese, ad eseguire alcuni lavori nei locali concessi dal Comune di Manfredonia, grazie all’interessamento dell’allora Sindaco Angelo Riccardi e alla piena disponibilità manifestata dall’Amministrazione Provinciale di Foggia.

Centinaia di pezzi museali sono stato raccolti e catalogati. Si aspetta solo che altri lavori di sistemazione vengano fatti per rendere più accoglienti le sale di esposizione.

L’apertura del Museo del Mare a Manfredonia sta diventando una realtà da tempo agognata dall’intera popolazione sipontina e da quanti amano il mare.

Ora, per la prima volta, in considerazione che le casse comunali versano in condizioni disastrose, a Manfredonia un pool d’imprese private, ognuna per le proprie competenze, coordinate e sensibilizzate dall’Arch. Donato D’Andrea, credendo nella meritevole e utile iniziativa culturale, ha preso a cuore il progetto del Museo del Mare. Si prodigherà ad offrire gratuitamente un contributo di lavoro affinché si possa felicemente giungere ad un traguardo considerato irraggiungibile da alcuni detrattori. Siamo in dirittura d’arrivo. Ad apertura di Museo, un apposito registro annoterà tutti coloro che hanno contribuito alla sua realizzazione e ai cittadini che hanno donato, o doneranno, reperti, conchiglie, libri, modelli d’imbarcazioni, video o quant’altro possa appartenere alla cultura marinara.

Il Presidente del Centro Cultura del Mare A.P.S., prof. Giovanni Simone, a nome dell’associazione che rappresenta, ringrazia l’Arch. Donato D’Andrea e le imprese sipontine che hanno aderito all’iniziativa: Impresa di Costruzioni “Tegliafilo Costruzioni s.r.l.”; Arredamenti “Arredolegno di Nicola Vuovolo”; Impianti elettrici “ARES di Graziano Ricciardi”; Forniture elettriche “Megad s.r.l”;Impianti idrici “Idroservice di Di Iasio Adriano”; Opere di pitturazioni “Style Decor di Gentile Michele”; Forniture pitture “Di Bari Colori”, Serramenti e infissi “D’Isita Infissi di Michele D’Isita”; Opere in vetro “Vetrodaunia s.n.c. dei Fratelli Pietro e Daniele Bisceglia”. Tutti i lavori saranno coordinati dall’Arch. Donato D’Andrea con la supervisione dell’ing. del Comune Di Tullo Giuseppe.

 

Comunicato Centro Cultura del Mare A.P.S.

Si è svolta questa mattina, presso la sede dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste, la cerimonia di passaggio di consegne tra il Tenente di Vascello (CP) Giuseppe Saverio ZACCARO ed il nuovo
comandante parigrado Roberta ZANGARA.
La cerimonia, tenutasi in forma ristretta a causa delle disposizioni inerenti il contenimento epidemiologico, è stata presenziata dal Capo del Compartimento Marittimo di Manfredonia, Capitano di Fregata (CP)  Giuseppe TURIANO in qualità di massima autorità e ha visto la partecipazione di una ristretta rappresentanza di personale in servizio presso l’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste oltre che dei tre
Titolari degli uffici minori dipendenti di Peschici, Rodi Garganico e Lesina.
Il Comandante Zaccaro, dopo due anni di comando, da lunedì prossimo prenderà servizio presso la Direzione Marittima di Pescara. Lo stesso nel corso del suo breve saluto ha voluto porgere un sentito e profondo
ringraziamento a tutto il suo “equipaggio” per aver brillantemente collaborato a far accrescere quel senso di legalità e di sicurezza che ogni buon marinaio deve avere nel suo animo. Nel proseguo del discorso il Comandante Zaccaro ha rivolto un sentito ringraziamento altresì alle altre forze di polizia operanti sul territorio oltre che a tutti gli Enti comunali e le varie associazioni di volontariato per il supporto e
la collaborazione ricevute nel corso di tutte le attività d’istituto esperite.
Il Comandante cedente ha speso parole di ringraziamento per il Capo del Compartimento, Comandante Turiano ed al suo staff, per il costante supporto ricevuto nell’ultimo anno di comando, che ha visto,
in diverse occasioni, il personale del superiore comando affiancare nelle operazioni di polizia complesse gli uomini di tutto il circondario marittimo viestano. Altro ringraziamento è stato rivolto all’Ammiraglio
Meli, Direttore Marittimo della Puglia e della Basilicata Jonica, ed a tutto il suo equipaggio per l’attenzione e sensibilità dimostrata nei confronti del Circondario e del suo personale.
Un ultimo ringraziamento è stato rivolto alla moglie Francesca e alla propria famiglia per il costante supporto anche nei momenti più difficili avuti nel corso dei due anni trascorsi alla guida dell’ufficio Garganico.
Il Comandante Turiano nel corso del suo intervento ha voluto ringraziare il Comandante Zaccaro per il costante e qualificato lavoro svolto augurandogli un futuro ricco di soddisfazioni professionali e personali presso la nuova sede di Pescara. Al Comandante Zangara ha
IL TENENTE DI VASCELLO ROBERTA ZANGARA E’ IL NUOVO COMANDANTE DELL’UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI VIESTE
chiesto fin da subito il massimo impegno e dedizione al fine di continuare sulla rotta tracciata dal predecessore garantendo al neo Comandante la più ampia collaborazione e supporto da parte di tutto il
personale dell’Ufficio Circondariale marittimo di Vieste.
Il Tenente di Vascello Roberta Zangara da oggi sarà il primo Ufficiale donna a ricoprire l’incarico di Comandante presso l’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste.
Siciliana di Palermo, proveniente dalla Capitaneria di Porto di Ancona dove ha svolto principalmente incarichi nelle materie amministrative marittime gestite dal Corpo delle Capitanerie di Porto. Il nuovo
Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste, si è detta entusiasta dell’incarico ed impronterà il proprio operato sul dialogo istituzionale e buon senso, finalizzato al rispetto delle norme ed alla
tutela dell’ambiente marino.
Durante la settimana di passaggio di consegne, i due Comandanti si sono recati in visita al Sindaco di Vieste dott. Giuseppe Nobiletti il quale ha voluto ringraziare il Comandante Zaccaro per l’impegno
profuso per garantire la sicurezza del porto e delle bellezze naturalistiche presenti sul territorio.
Successivamente la visita è proseguita con l’incontro con il Sig. Procuratore Capo della Procura di Foggia dott. Ludovico Vaccaro, il quale ha speso parole e sentimenti di gratitudine per l’importante
lavoro che viene svolto dal personale della Guardia Costiera su tutto il litorale garganico, nella tutela dell’ambiente marino-costiero, nella tutela del demanio marittimo, nella vigilanza dell’intera filiera ittica e
nella tutela dei bagnanti.
Vieste, 04 settembre 2020

Come di consueto, il Gruppo Astrofili della Lega Navale Italiana – Sez. di Manfredonia – G.A.L.N.I. – in collaborazione con le altre associazioni del territorio, promuove ed organizza una serie di eventi estivi a beneficio di quanti desiderano ammirare, con l’ausilio dei telescopi, il fascino del cielo stellato e delle costellazioni visibili alla nostra latitudine.

Grazie al prezioso coordinamento dei nostri cari soci Libera Disanti e Luca Bitondi, ecco di seguito i due prossimi appuntamenti per le osservazioni astronomiche:

Sabato 10 Agosto 2019, in occasione della notte di San Lorenzo, a partire dalle ore 21:30 presso il terrazzo panoramico adiacente all’InfoPoint di Piazzetta Mercato a Manfredonia;
Sabato 17 Agosto 2019, a partire dalle ore 21:00 presso il Museo della Civiltà Montagnola di Ruggiano (vicino la Chiesetta).

Inoltre, per gli amanti del trekking, Domenica pomeriggio 18 Agosto è in programma, con partenza da Ruggiano, una piacevole passeggiata naturalistica al chiaro di luna lungo il sentiero per Pulsano a cura del gruppo “Unione Speleologica Manfredonia”.

In allegato, le relative locandine.

Tutta la cittadinanza è invitata.

Il Presidente,
Prof. Luigi Olivieri.

Nei giorni scorsi è rientrata in sede presso la Guardia Costiera di Manfredonia, dopo oltre due mesi di missione a Lampedusa, la motovedetta di soccorso d’altura CP 281, partita dal porto di Manfredonia nel Novembre scorso. All’ormeggio erano presenti il Comandante della Capitaneria di Porto di Manfredonia, colleghi e familiari che li hanno accolti in un caloroso abbraccio carico di gioia e riconoscenza per il prezioso servizio svolto per la salvaguardia della vita dei migranti in fuga dalle guerre e dalle sofferenze.

L’Unità Navale CP 281, al comando del 1° Maresciallo Luogotenente Pietro De Nittis, è una delle unità veloci d’altura di cui dispone la Guardia Costiera, impiegata nelle attività istituzionali operative, principalmente nell’attività di ricerca e soccorso a tutela della salvaguardia della vita umana in mare e nella polizia marittima.

Risultati eccellenti quelli conseguiti dal personale imbarcato; in particolare, negli oltre due mesi di missione presso la 7ª Squadriglia Guardia Costiera di Lampedusa, la Motovedetta S.A.R. CP 281 ha assicurato costantemente il pronto impiego, risultando impiegata in numerosi interventi, nel corso dei quali ha percorso 2900 miglia nautiche, con oltre 255 ore di moto, prestando soccorso a ben 150 persone.

La Guardia Costiera italiana prosegue senza sosta e con rinnovato impegno, nel monitoraggio del Canale di Sicilia con motovedette, navi, aerei ed elicotteri che costituiscono il dispositivo navale FRONTEX dell’Operazione TRITON e operano, durante le operazioni S.A.R., sotto il coordinamento della Centrale Operativa del Comando Generale delle Capitanerie di Porto sito in Roma.

 

Manfredonia, 23 Gennaio 2018

Prevista la concessione di aiuti e sostegni economici a favore delle imprese attive nella produzione, nella trasformazione e nella commercializzazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura

pesca e acquacoltura

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità il disegno di legge sulla “Pianificazione e sviluppo della pesca e dell’acquacoltura regionale”. Il provvedimento consente alle strutture tecniche regionali di disporre, per la prima volta, di un quadro legislativo di settore. Il testo contiene anche misure propedeutiche ai bandi europei sulla pesca che l’assessorato si accinge a bandire. La legge colma il vuoto legislativo nella materia dal momento che la Regione, ricevute le deleghe (1977), si è limitata nel tempo all’adozione di due deliberazioni di Giunta, una contenente l’affidamento alla Province a svolgere le funzioni amministrative in materia di pesca nelle acque interne e l’altra di disciplina alla pesca e della molluschicultura nella sola Laguna di Varano. Ribadendo il ruolo strategico della pesca per l’economia regionale e fissando i molteplici ambiti di azione, il provvedimento rappresenta uno strumento strategico delle azioni e degli interventi dei settori produttivi ittici che troveranno attuazione anche nell’ambito dei finanziamenti comunitari.

Tutto ruota attorno al principio della sostenibilità ambientale nel lungo termine delle attività di pesca ed acquacoltura come risorse necessarie all’approvvigionamento alimentare.

In particolare, il settore dell’acquacoltura ha conosciuto un notevole sviluppo socio-economico in diverse aree della regione, che necessita di una riorganizzazione strutturale e normativa fondamentali per l’adeguamento alle politiche della pesca e dell’acquacoltura. Il disegno di legge fissa strategie e ambiti di azione : mira alla creazione di un sistema di sviluppo sostenibile integrato basato sulle risorse locali, finalizzato alla valorizzazione e messa in rete delle potenzialità produttive attraverso il sostegno all’innovazione, il coinvolgimento del mondo della ricerca e l’attivazione delle leve intersettoriali. Introduce il piano della pesca e dell’acquacoltura come strumento di programmazione finalizzato ad orientare le linee gestionali e gli interventi migliorativi ambientali e prevede l’istituzione dell’Osservatorio regionale della pesca e dell’acquacoltura.

Prevista la concessione di aiuti e sostegni economici a favore delle imprese attive nella produzione, nella trasformazione e nella commercializzazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura. La legge norma anche la vendita diretta del pescato; mira a ridurre la cosiddetta pesca fantasma con specifici interventi e definisce gli ambiti all’interno dei quali è ammessa la pesca sportiva e ricreativa.

 

Fonte: Statoquotidiano

convegno-confindustria-castello-22.09.17-20“Infrastrutture, Logistica, Portualità, Trasporti: i nuovi obiettivi della Capitanata”, questo il tema dell’incontro organizzato ieri pomeriggio da Confindustria nel suggestivo scenario della Piazza d’Armi del Castello di Manfredonia da Confindustria Foggia. Ha fatto gli onori di casa l’imprenditore edile, Presidente della Confederazione degli industriali, nonché membro del Comitato di gestione dell’Autorità di Sistema del Mare Adriatico Meridionale, Ing. Gianni Rotice. A dettare i tempi degli interventi l’impeccabile giornalista Miky De Finis. Il primo saluto al vero padrone di casa, il direttore del Castello e del Polo Museale di Manfredonia, Alfredo De Biase. Ha fatto seguito il saluto del primo cittadino di Manfredonia, Angelo Riccardi, visto come uno tra i papabili neo Presidente dell’ASI. “Partire o Ripartire?” con questo dilemma apre il suo intervento. “Manca la capacità di fare sistema nel nostro territorio” riferendo quanto detto dal Magnifico Rettore dell’Università di Foggia Prof. Ricci, in un convegno tenutosi a Manfredonia qualche giorno fa organizzato dai Lions. “Bisogna evitare di fare le lotte di campanili, spero sia la volta buona, il porto, l’aeroporto…, c’è una grossa competizione tra territori. Abbiamo una occasione ghiotta per ripartire. Sul porto ci giochiamo una opportunità importante, è una sfida collettiva. Non voglio cancellare il passato, ma guardare avanti ripercorrendo gli errori commessi. Viviamo in una terra dove la delusione, la rassegnazione ha la meglio, situazione che permettono l’espansione della malavita. Dobbiamo essere più cazzuti, – senza mezzi termini riferisce Riccardi – ci dobbiamo arrabbiare di più e smettere di accontentarci della pacca sulla spallate non serve a nulla”. All’intervento di Riccardi ne hanno fatto seguito altri e poi l’On. Tonio Leone, membro del CSM (Consiglio Superiore della Magistratura) che anticipando il suo intervento sulla scaletta ribadisce il tema della serata: “queste iniziative devono avere un seguito concreto. Sviluppo e aumento delle aspettative di lavoro che spesso causa anche maggiore attenzione da parte della malavita. Se in Italia abbiamo pochi investitori esteri è perché abbiamo una giustizia che, seppur precisa è troppo lunga. Lo sviluppo del Porto di Manfredonia potrebbe intercettare anche la famosa via della seta che potrebbe passare proprio nei nostri mari. Questo porto è riuscito a non crollare” facendo presumibilmente riferimento alla “sua” Autorità Portuale di Manfredonia, che è riuscito a tenere in piedi, nonostante le tante frizioni che Bari ed il suo concittadino Onorevole Bordo&C., non gli hanno fatto mai mancare. “Ogni porto deve avere pari dignità. Se non ci si mette assieme al di là delle casacche non si  porta a casa il pane. Dobbiamo dare conto a quello che sarà e non a quello che è stato, con una chiara presa di coscienza”, conclude così l’On. Leone, cercando di mettere una pietra sopra al passato e a tutte le lotte intestine e regionali che hanno animato questo ultimo decennio. Gianni Rotice nel suo intervento mette in evidenza, da buon imprenditore, che ci sono tante risorse, tanti finanziamenti per adeguare le strutture logistiche e portuali della Capitanata, un piatto ghiotto che quasi pregusta come imprenditore. La cabina di regia sarà affidata alla Provincia di Foggia. “Il Patto per il Sud ha posto delle basi straordinariamente importanti. La zona ASI di Foggia sarà la vera area retro portuale della Capitanata. Occorre completare anche il progetto del Treno-Tram.” Grande soddisfazione per Rotice ed i suoi ospiti per le importanti aspettative, rimarcate anche da Armando De Girolamo Amministratore della Lotras, prestigiosa azienda di trasporti ferroviari che proprio nella zona ASI di Foggia è riuscita a togliere il primato a Bari per il traffico di merci trasferite. Lungo e politicoso l’intervento dell’Assessore Regionale Piemontese, che ha portato i saluti di Emiliano scusandolo poiché intervenuto in altra sede. Nel sul intervento ha messo in evidenza l’attenzione della Regione Puglia verso la terra di Capitanata mettendo sul piatto degli investimenti regionali, oltre 40 milioni di euro per le nuove infrastrutture. Molto chiaro ed efficace l’intervento di Catalano, Coordinatore Struttura Tecnica di Missione del MIT, uomo di casa nostra (Lucera) che ha chiarito come la strategia del Ministro dei Trasporti Del Rio e di questo Governo nazionale sia quella di evitare bracci di ferro tra forze politiche e territori. Nuove regole per un progetto chiamato: #CONNETTERE L’ITALIA. Meno traffico su gomma e maggiore sviluppo per le reti ferroviarie e marine. Oltre 150 milioni la dotazione ministeriale su questo fronte. Ha chiuso la serata, prendendo la parole alle 19:30, la persona più attesa della convention e del resto non ha deluso le aspettative sciorinando teorie sulla gestione delle aree portuali, ottimizzazione dei costi, suggerimenti alla politica straordinariamente concentrata “solo” a cercare risorse ma troppo distratta a comprendere le vere necessità delle imprese, chiarezza di regole e leggi che facciano meno danno al sistema paese. Il Prof. Ugo Patroni Griffi, Presidente dell’Autorità Portuale di Sistema lancia un importante suggerimento, dialoghiamo con le regioni limitrofe, Basilicata, Molise, loro hanno bisogno della piattaforma logistica della Capitanata, hanno bisogno dei nostri porti. Un intervento che merita di essere ascoltato e meglio dettagliato perché il Prof. Griffi, docente di diritto della navigazione, ha fatto scuola dicendo ciò che gli imprenditori volevano sentir dire, ribadendo che se gli investitori esteri non investono in Italia e dalle nostre parti è perché non c’è chiarezza nella gestione politica e nelle regole e questo chi deve mettere i soldi di tasca propria non può permetterselo.

Raffaele di Sabato

 

Fonte. Manfredonianews

Gran Nuotata del Golfo

Pubblicato il: 14 ago 2017 - Da Webmaster

locandina-manifestazione-220x300Il Comitato Territoriale Uisp di Manfredonia, in collaborazione con Club Nuoto Manfredonia, Lega Navale Italiana – sezione di Manfredonia, ManfredoniaCorre, Manfredonia Running& Friends e Triathlon Manfredonia, presidio sanitario della Paser e supporto di security e ordine pubblico dell’Associazione Nazionale Carabinieri sezione di Manfredonia, organizza e promuove l’edizione 2017 della Gran Nuotata del Golfo. Impegno organizzativo, gioco di squadra, passione, amore per lo sport ed in particolare per il nuoto, tante forze unite da un unico obiettivo: celebrare la 35esima edizione della Gran Nuotata del Golfo, storica manifestazione di nuoto della nostra città che quest’anno sarà vissuta con particolare emozione. Sarà infatti una gara interamente dedicata alla memoria di due sipontini che questo sport lo hanno tanto amato e che non sono più tra noi: Leonardo Bottalico e Andrea Sapone.

La manifestazione verrà anche inserita nel programma ufficiale della Festa Patronale in onore di Maria Santissima di Siponto. “La Gran Nuotata del Golfo doveva esserci e ci sarà – ha commentato Orazio Falcone, presidente del Comitato Territoriale UISP di Manfredonia – mi sono impegnato in prima persona, insieme a tutto il nostro comitato, chiamando a raccolta tutti coloro che potevano offrire il proprio contributo ad organizzare in ogni dettaglio questa importante e storica manifestazione legata al nostro mare. Un evento sportivo che, quest’anno in modo particolare rispetto agli anni precedenti, porta con sé emozioni e significati umani che vanno al di là del gesto sportivo in sé: lo stiamo organizzando per onorare la memoria di due grandi nuotatori sipontini, Leonardo Bottalico e Andrea Sapone.

Il 27 agosto sarà una giornata sportiva indimenticabile, per noi organizzatori e per tutti i partecipanti”. LA GARA Sullo stesso percorso di 2 km si svolgeranno due gare, sia agonistica che amatoriale. L’appuntamento per tutti i nuotatori è fissato alle ore 8:00 in punto di domenica 27 agosto 2017 presso la Sede Sportiva della Lega Navale sezione di Manfredonia, sita in Viale Miramare. La partenza delle gare è alle ore 9.30: i nuotatori andranno prima verso la prima boa situata nelle acque antistanti la scogliera “Acqua di Cristo”, attraverseranno poi tutto lo specchio di mare antistante Viale Miramare e la Spiaggia Castello e, poco prima del molo di Levante, torneranno indietro dirigendosi verso la sede sportiva della Lega Navale di Manfredonia, dove è l’arrivo.

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

  • L’iscrizione alla 35° Gran Nuotata del Golfo – Memorial Leonardo Bottalico e Andrea Sapone, è aperta a tutti e può essere effettuata entro e non oltre venerdì 25 agosto p.v. La gara ha un costo di €. 10,00. Per iscriversi è necessario contattare la Lega Navale di Manfredonia (0884.585558) oppure i referenti dell’organizzazione: Adriano (348.6055723), Orazio (380.7646581), Antonio (330.326579).
  • Per partecipare alla gara è necessario essere in possesso di tessera UISP e di certificato medico. Contattando la sede UISP di Manfredonia (manfredonia@uisp.it – 380.7646581 Orazio Falcone) ci si potrà iscrivere alla Uisp (costo della tessera € 6,00) fornendo nome e cognome, data di nascita e residenza, nonché un certificato medico sportivo (nel caso di iscrizione alla gara agonistica) o del medico di base (nel caso di iscrizione alla gara amatoriale) in corso di validità. · Non ci sono limiti di età per partecipare alla gara. Per i minorenni è però necessaria l’autorizzazione scritta e firmata da un genitore.
  • Per chi non è a Manfredonia o in zone limitrofe è possibile effettuare l’iscrizione alla gara, il tesseramento Uisp o entrambi, anche tramite bonifico alla Uisp Comitato di Manfredonia, IBAN: IT09K0335901600100000015856, riportando nella causale la dicitura: 35° Gran Nuotata del Golfo. Copia del bonifico effettuato, nonché copia del certificato medico (agonistico o di base) dovranno poi essere inviati, unitamente ai propri dati anagrafici e di residenza all’indirizzo email: manfredonia@uisp.it, sempre entro venerdì 25 agosto p.v. Gli organizzatori ringraziano sentitamente per il sostegno tutti gli Sponsor e i Partner economici della manifestazione.

 

Appuntamento per domenica 27 agosto 2017 per una grande nuotata nelle acque del Golfo di Manfredonia!

Comitato Organizzativo 35° Gran Nuotata del Golfo – Memorial Leonardo Bottalico e Andrea Sapone

 

Fonte: Manfredonianews

Mostra del trabaccolo a Manfredonia (FOTO)

Pubblicato il: 14 ago 2017 - Da Webmaster

L’esposizione della Mostra che è possibile visitare presso la sede del Centro Velico Gargano dalle 18 alle 23, si protrarrà fino a domenica 13 agosto.

Gli organizzatori della Mostra-il maestro d’ascia Lorenzo Campo-Eliseo Borgomastro-Franco Rinaldi e Giovanni Simone

Gli organizzatori della Mostra-il maestro d’ascia Lorenzo Campo-Eliseo Borgomastro-Franco Rinaldi e Giovanni Simone

Manfredonia, 11 agosto 2017. Domenica 6 agosto 2017 presso la sede del Centro Velico Gargano è stata inaugurata la bellissima mostra dedicata al “Trabaccolo”. Organizzatori dell’evento culturale sono stati il bravo maestro d’ascia Lorenzo Campo e l’appassionato studioso di trabaccoli Eliseo Borgomastro. Hanno contribuito alla realizzazione della mostra il prof. Giovanni Simone del Centro Cultura del Mare, Franco Rinaldi, Antonio Berardinetti, la Pro Loco Manfredonia, l’Associazione culturale ipogei Capparelli S.C.I.C. e il Centro Velico Gargano che ha messo gentilmente a disposizione la sede per la mostra.

Oltre all’esposizione dei stupendi modellini in scala, la mostra è arricchita da documenti, cimeli e proiezioni sui trabaccoli, tra cui quelli costruiti nei cantieri navali di Manfredonia che vanta notevoli tradizioni marinare. I visitatori potranno constatare dal vivo la bellezza e l’imponenza di questi “tir” del mare, che un tempo venivano costruiti in loco e precisamente nei primi anni del ‘900 nei cantieri dei maestri d’ascia Colaianni e Prencipe. Non va certamente trascurato che questi grossi barconi hanno dato per anni un grande contributo all’economia della Città. Questa mostra sia buon auspicio per la realizzazione del Museo del Mare a Manfredonia. Purtroppo la nostra Città marinara non ha memoria storica.

L’esposizione della Mostra che è possibile visitare presso la sede del Centro Velico Gargano dalle 18 alle 23, si protrarrà fino a domenica 13 agosto.

(A cura di Franco Rinaldi, cultore di storia e tradizioni popolari di Manfredonia)
Fonte: Statoquotidiano